Unknown-3

Niente come sembra

"Niente come sembra" è il nuovo canovaccio originale di Commedia dell’Arte curato nella drammaturgia e regia da Claudio de Maglio, direttore della Nico Pepe; maschere di Commedia a cura di Stefano Perocco di Meduna, canti a cura di Marco Toller.

La tournée toccherà le seguenti località l'8 luglio ore 21,00 a Privano di Bagnaria Arsa lascito Dal Dan, il 10 luglio a Terzo di Aquileia ore 21,00 Corte di palazzo Vianelli, l'11 luglio al Parco Moretti a Udine ore 18,30 per Udinestate, il 12 luglio ore 18,30 a Tricesimo in piazza Ellero di fronte al Municipio, il 16 luglio nuovamente a Udine per SAFest nell'Arena Nico Pepe alle 20,30. Infine lo spettacolo verrà rappresentantato nell'ambito della rassegna Festival#Piazze a Urbino ore 21,15 piazzetta del Castello di Chieti, e si concluderà in Puglia, ospiti dell'Estate Mesagnese organizzata dal comune di Mesagne nella corte del Palazzo Svevo Normanno (ore 21,15).
In scena gli allievi del secondo anno di corso: Giulio Bianchi, Silvia Cerchier, Iacopo Cesaria, Alvise Colledan, Erika Maria Cordisco, Massimo Filoso, Federica Garbarini, Santi Macarrone, Andrea Monteverdi, Siro Pedrozzi, Sara Volpi, Sara Wegher.
L’iniziativa condivisa con Vettori Ultramondo si avvale del sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dei Comuni partner di Tricesimo e Terzo d’Aquileia, della collaborazione con il comune di Bagnaria Arsa, della partecipazione come main partner, del Ministero della Cultura MIC e del Comune di Udine, ai quali si affianca la Fondazione Friuli.

La Nuova Commedia 2024 si ispira come da tradizione a eventi e personaggi realmente esistiti che però quest’anno si mescolano a personaggi “mitici” tratti dai racconti popolari dell’area di riferimento, il tutto condito da connessioni con l’attualità.

Lo sfondo storico è quello della guerra dei 30 anni quando l’Europa era teatro di conflitti, capovolgimenti e continui riassetti dei confini a causa delle sfere di influenza dei diversi Stati, Ducati, Principati, etc., etc., etc. … L’area è quella che dal territorio dei Laghi di Varese arriva fino alla Valtellina in cui ci fu una rivolta, proprio 400 anni or sono, tra contendentiFrancesi, Spagnoli e Svizzeri Grigioni. In tale contesto erano molto attivi il contrabbando con la Svizzera e i complotti orditi dai potenti di turno e Capitani di ventura spesso dediti a repentini “cambi di casacca”. Uno dei protagonisti di tali ribaltamenti fu Jürg Jenatsch considerato ancor oggi l’eroe dei Grigioni, personaggio che viene citato nella nostra Commedia assieme ad altre figure dell’epoca emerse dalla nostra ricerca come ad esempio il “pirata dei laghi”.

Troviamo dunque Pantalone/Messer Cromazio che opera il contrabbando e gestisce bische clandestine attraverso cui foraggia eserciti belligeranti, un Dottor Grimaldo filo Grigione che gli si oppone e vuole acquisire il Casinò Splendor appena messo in vendita, Innamorati sull’orlo di una crisi di nervi con aneliti libertari repressi a tal punto da non essere più riconoscibili neanche a loro stessi, servi balordi, un’imprenditrice vetraia Donna Massenzia ispirata ad un altro personaggio realmente esistito in Venezia(Marietta Barovier) ma che per noi diventa anche “maitresse” e ancora un libertino (Lavinio) che tra furti e raggiri annaspa cercando di galleggiare, un capitano spagnolo (Juan Pedro) che sbaglia tutte le missioni ed una serva “pasionaria” (Olivetta) e intraprendente cui si sommano la sbadata ma sensibile strega Heget “germanica” ed uno “spirito” del bosco, il Martoreo, che viene trasformato in essere umano per portare a termine il fondamentale compito di salvare il suo territorio dalla distruzione.

Breve sinossi
La storia si basa sulle peripezie di un certo un sacco trasportato nei boschi tra Italia e Svizzera da Arlecchino su ordine di Pantalone (Messer Cromazio) e che deve essere portato oltre confine. Il sacco dovrebbe contenere i proventi delle vincite del Casinò di Venezia e servire a foraggiare gli eserciti belligeranti ma viene intercettato da un oscuro mercenario, il Capitan Juan Pedro su ordine di Giacinto che spera di farlo rubare per ripagare i debiti di gioco poiché viene minacciato da Severigno il buttafuori del Casinò Splendor. Arlecchino scivola nel lago e il sacco finisce in un buco ma il Capitano scopre qualcosa d’altro che può renderlo molto ricco, deve ora però trovare un finanziatore per poter sfruttare quanto ha scoperto. In quel bosco Heget la Strega risveglia lo spirito del luogo, il Martoreo, per farsi aiutare ma non riesce a imbrigliare questa entità che sotto forma umana rischia di fare danni imprevisti alla Comunità. Il Casinò Splendor viene messo in vendita, e questo fatto risveglia le rivalità tra i due contendenti: Messer Cromazio da una parte e il Dottor Grimaldo dall’altra. Tra i locali che sono coinvolti in questo gioco rocambolesco vi sono Donna Massenzia e anche vetraia ma che una volta era tenutaria di una casa di piacere affiliata al Casinò e il classico baro, topo d’albergo, nonché piccolo truffatore che vive alla giornata grazie a raggiri e imbrogli. Una serie di eventi e colpi di scena fanno incontrare Eleuteria, figlia del Dottore con Giacinto, figlio di Messer Cromazio e poi Arlecchino con Olivetta serva del Dottore. Pian piano le trame si svelano e ciò che pareva essere in un modo si scoprirà essere tutt’altro regalandoci momenti d suspense e di poesia, scene esilaranti e ricche di emozioni. Al centro sta sempre l’uomo e le sue debolezze come il bisogno di prevalere, il demone del gioco, il possesso e la manipolazione delle menti più semplici. Ma nonostante tutti questi difetti l’unico vero antidoto imprevedibile è l’amore che riesce a restituire giustizia e creare un nuovo equilibrio. Perché? Perché niente e come sembra.

Luoghi citati: i laghi della zona di Varese, Gazzago Brabbia, Casinò Splendor (ispirato all’eco mostro che c’è a Campione d’Italia), l’Antro delle Sfingi (una serie di gallerie che forse una volta era, ai tempi della Commedia dell’Arte, una miniera d’argento).

Lo spettacolo di Commedia è un momento cruciale nel percorso didattico della Nico Pepe e porta a compimento il lavoro di preparazione degli allievi attori del secondo anno di corso sulle tecniche fondamentali di questa antica arte scenica, patrimonio autentico del teatro italiano: dalle tecniche di costruzione dalla maschera di Stefano Perocco di Meduna, ai canti di Commedia di Marco Toller; segue poi il lavoro con Claudio de Maglio Training dell’Attore specifico a far nascere ciascun personaggio fino alla magia interpretativa che definisce i caratteri di Pantalone, Arlecchino, Colombina, Pulcinella, Capitano, Dottore, Strega e Innamorati… per poi passare al lavoro di costruzione delle scene e di Improvvisazione Teatrale fino ad arrivare a presentare il nuovo canovaccio originale, scritto su misura con i suoi rocamboleschi e irresistibili colpi di scena.

La Commedia della Nico Pepe si ispira a eventi e fatti storici, facendoli convivere con personaggi mitici e racconti popolari per parlare del presente riempiendo i buchi della Storia con la materia del possibile: la stessa di cui sono fatti i sogni…
Soprattutto il sogno di un’Europa, di un Mediterraneo e di un pianeta in cui la parola “Pace” non sia così fuori moda come attualmente sembra.
Claudio de Maglio

MC CC _credit inclus-1

NICO PEPE INTERNATIONAL

Udine, 12 giugno 2024
NICO PEPE INTERNATIONAL
PER UN’ESTATE
CON GRANDI PROTAGONISTI DA TUTTO IL MONDO
PRIMO APPUNTAMENTO: LA MASTERCLASS DI DANZA CONTEMPORANEA
CON LA ‘POETESSA’ CAROLYN CARLSON

NICO PEPE INTERNATIONAL: questo il nome scelto dalla Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine per rappresentare la vocazione internazionale che caratterizza gli appuntamenti dell’estate 2024, a cominciare dalla masterclass di danza contemporanea tenuta da Carolyn Carlson dal 20 al 22 giugno, per proseguire poi con il Safest – Summer Academy Festival dal 16 al 20 luglio.
“Una caratteristica fondamentale del mondo dell’arte in tutti i suoi linguaggi è l’apertura al confronto e allo scambio con le realtà e con gli artisti di tutto il mondo – sottolinea il direttore dell’Accademia Nico Pepe, Claudio de Maglio -. Anche noi abbiamo sempre aperto le porte agli scambi, alle influenze, alle collaborazioni. È vitale per mantenere l’energia creativa ai massimi livelli. Quest’anno in particolare, già a partire dal nome scelto, abbiamo voluto porre l’accento sulla dimensione internazionale degli eventi di altissimo livello che ospitiamo tra giugno e luglio. Le interazioni e le connessioni avverranno con artisti di tutto il mondo. Per noi sarà un’estate davvero senza confini”.
Oltre ai main partners che affiancano la Nico Pepe - la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Ministero della Cultura, il Comune di Udine - e al sostegno di Fondazione Friuli, NICO PEPE INTERNATIONAL si avvale della collaborazione della Compagnia di danza contemporanea Arearea e dell'Associazione Danza e Balletto di Udine.
Il progetto è anche inserito nel cartellone di Udinestate 2024.
33100 UDINE - largo Ospedale Vecchio 10/2 - tel. e fax +39.0432.504340; e-mail: accademiateatrale@nicopepe.it; sito web: www.nicopepe.it

È con grande piacere che nella cornice di NICO PEPE INTERNATIONAL fa il suo ritorno a Udine Carolyn Carlson, figura di culto per intere generazioni di ballerini, artista che ha segnato il panorama della danza dagli Anni Settanta fino ai nostri giorni e che dal 20 al 22 giugno 2024 guiderà la sua “Masterclass pour Professionels”, rivolta a giovani attori e danzatori.
A conclusione della masterclass, sabato 22 giugno alle 18, Carolyn Carlson terrà una sessione di lavoro aperta alla quale potrà assistere anche il pubblico: si tratta di un evento a sorpresa, offerto da questa straordinaria artista che sarà affiancata dalla danzatrice Sara Orselli, con l’accompagnamento musicale di Paki Zennaro, da sempre a fianco dell’artista nelle sue masterclass.
Nata in California, la Carlson si definisce soprattutto una “nomade”. Dalla Baia di San Francisco all'Università dello Utah, dalla compagnia di Alwin Nikolais a New York all'Opera di Parigi, da Venezia a Helsinki, Carolyn Carlson è una viaggiatrice instancabile, sempre alla ricerca di sviluppare e condividere il suo universo poetico, infatti alla definizione di coreografa preferisce adoperare "poésie visuelle » che descrive il suo lavoro di creazione di suggestioni in movimento, proseguendo incessantemente la sua ricerca artistica.
Nel corso della sua carriera, Carolyn Carlson ha creato più di 150 pièces, molte delle quali sono pagine importanti della storia della danza, da “Density 21.5” a “L'anno del cavallo”, da “Blue Lady” a “Steppe”, da “Scritti sull'acqua” a “Inanna”.
Per 50 anni la coreografa americana ha avuto un ruolo chiave nello sviluppo della danza contemporanea in Francia e anche in Italia, dove ha dato vita al progetto Teatrodanza alla Fenice di Venezia. A conferma del legame con il nostro Paese, nel 2006 il suo lavoro è stato premiato con il primo Leone d'Oro mai assegnato a un coreografo dalla Biennale di Venezia. Dopo la masterclass a Udine, Carolyn Carlson sarà ospite d’eccezione alla Biennale College Danza 2024.
Alla masterclass udinese, che inizia il 20 giugno, prenderanno parte allievi di scuole e accademie teatrali oltre che di compagnie di danza, quali Arearea, Balletto Civile, la Scuola di Teatro Dimitri di Verscio (Svizzera) e la stessa Nico Pepe.

"Carolyn – prosegue de Maglio - è già stata ospite alla Nico Pepe e in ogni occasione ha portato momenti entusiasmanti di lavoro, vita e arte. È un'artista eclettica, che, attraverso il movimento e lo spazio, la poesia, la presenza sulla scena offre momenti indimenticabili di profonda commozione, di rivelazione e contemplazione che si affacciano sul mistero dell'arte e dell'umano".
Il legame della Carlson con il Friuli Venezia Giulia è speciale, perché da questa regione sono partiti e si sono formati con lei i danzatori della Compagnia Arearea, Roberto Cocconi, Marta Bevilacqua e Luca Zampar, che in momenti diversi hanno lavorato e preso parte alle sue creazioni coreografiche.
Anche Claudio de Maglio, direttore della Nico Pepe, nella sua esperienza formativa ha incontrato Carolyn Carlson, trasferendo nel progetto didattico dell’Accademia udinese la danza contemporanea e le tecniche del movimento, organicamente intrecciate alla recitazione e all’improvvisazione teatrale.
Il cartellone di NICO PEPE INTERNATIONAL proseguirà con il ricco cartellone del Safest dal 16 al 20 luglio, con la partecipazione di scuole di teatro provenienti dalla Cina, dal Burkina Faso alla Galizia, con osservatori che arrivano dalla Repubblica del Congo.

Schermata 2024-05-23 alle 13.46.38

Paul Goodwin e Marco Sgrosso alla Nico Pepe

Paul Goodwin e Marco Sgrosso alla Nico Pepe
Recitare gli autori in lingua originale è ormai un’attività consolidata all’interno del percorso didattico della Nico Pepe, un appuntamento di prestigio e peculiare che ritroveremo giovedì 23 maggio alle ore 18,30 quando saranno presentati al pubblico i frutti del periodo di lezioni condotto da Paul Goodwin con gli allievi del secondo anno di corso. Immancabile l’omaggio al grande bardo William Shakespeare, il lavoro in scena è incentrato su brani tratti da quattro opere teatrali: Misura per Misura, Sogno di una notte di mezza estate, Macbeth, Amleto. Testi recitati in lingua originale, come da tradizione nei lavori di Goodwin, docente che giunge da Londra, con oltre 20 anni di carriera internazionale come attore professionista impegnato in opere classiche con importanti compagnie tra cui la Royal Shakespeare Company, il National Theatre e Cheek by Jowl. Come insegnante ha lavorato allo Shakespeare's Globe, alla Royal Academy of Dramatic Art (RADA) …
Gli allievi proporranno dunque un’immersione nell’universo shakespeariano, ci porteranno nell’atmosfera magica in cui la lingua inglese risuona con i suoi ritmi, la sua poesia e la sua originale forza espressiva …

Un altro momento importante di restituzione si avrà venerdì 24 alle 18,30 con la lezione finale aperta a cura di Marco Sgrosso con gli allievi del terzo anno dedicata a Il Gabbiano di Anton Cechov.
Marco Sgrosso è uno dei preziosi docenti ospiti che costellano l’anno accademico, attore, regista e pedagogo, dopo aver fatto parte della Compagnia di Leo De Berardinis ha fondato con Elena Bucci la Compagnia Le Belle Bandiere con la quale si è aggiudicato numerosi riconoscimenti per l’attività sulla scena teatrale italiana come il Premio ETI Olimpici del Teatro; come attore ha inoltre lavorato con registi come Cesare Ronconi, Mario Martone e ultimamente con Alessandro Serra (celeberrimo per “Macbettu”) che lo dirige ne Il giardino dei ciliegi di Cechov e La tempesta di Shakespeare.

La prova aperta de Il Gabbiano raccoglie i frutti dell’intenso laboratorio condotto da Marco Sgrosso e presenta la messinscena finale con gli allievi del terzo anno chiamati a misurarsi con il classico cechoviano, attenti ad attraversare e trasmettere quel mondo di amori non corrisposti e illusioni perdute, un disegno raffinato di personaggi ed emozione, fatto di ricordi e nostalgia, di infanzia, di incontri che fanno sorridere e altri che muovono al pianto. O tutte e due insieme. Il teatro di Cechov ha superato il suo tempo, è arrivato fino a noi, e noi lo utilizziamo ancora una volta per arrivare alla vita che attraversa la sua opera.

Considerati i posti limitati si prega di prenotare: accademiateatrale@nicopepe.it

Il Muro, Attraverso

"Il muro, attraverso"

Anche quest'anno la Nico Pepe è presente al festival Vicino Lontano Premio Terzani giunto alla ventesima edizione. “Il muro, attraverso”, sarà infatti lo spettacolo, con drammaturgia e regia di Claudio de Maglio, con protagonisti gli allievi del primo anno di corso, in scena nell’ambito del "Concorso Scuole Tiziano Terzani” presso il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, sabato 11 maggio (inizio eventi ore 8:1
Inoltre, siamo lieti di partecipare alla rassegna "Tutte le Arti in Scena" organizzata dall'Istituto Comprensivo Bergamas di Trieste. In questa occasione "Il muro, attraverso" sarà presentato martedì 21 maggio alle ore 12:00 presso il Teatro Silvio Pellico in Via Ananian 5/2 a Trieste.

“Il muro, attraverso” è una partitura di gesti, parole, suggestioni per affrontare il tema del muro da varie angolazioni: linea di confine, definizione identitaria di un essere come di un popolo, divisione separazione o protezione... o anche chiusura alle comunicazioni, isolamento come necessità o obbligo,ostacolo che nell'essere superato sancisce un processo di crescita. Questa è una ricerca prodotta insieme alle allieve e allievi del primo anno della Civica Accademia Nico Pepe grazie alle domande che ci siamo posti in un'epoca molto difficile.
Claudio de Maglio

Gli allievi in scena: Giona Amoroso, Elia Bonzani, Beatrice Cassandra, Francesca Cozzini, Marcos Demurtas, Leonardo Maria Filoni, Gaia Garibotto, Davide Gavini, Gianluca Madaschi, Edoardo Maria Mattina, Gaia Mencarini, Michele Ronconi, Giulia Sarti, Anna Sicilia, Michela Serra, Nello Tammaro, Giacomo Zampini.

info: info@vicinolontano.it

tuttiinscena@comprensivobergamas.org

Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe

"S'era Amor si scoprirà" a Muggia, Talmassons, Polcenigo... e alla Nico Pepe

Va in scena la Commedia dell’Arte con la Nico Pepe “S'era Amor si scoprirà” nell'ambito del cartellone teatrale promosso da ERT FVG a Muggia (15 febbraio), Talmassons (16 febbraio) e Polcenigo (17 febbraio).

“S'era Amor si scoprirà (La ridicola Commedia della Falsa Fantasma)” è il canovaccio originale di Commedia dell’Arte curato nella drammaturgia e regia da Claudio de Maglio, direttore della Nico Pepe. Sarà presentato in diverse piazze della regione nell'ambito delle stagioni teatrali promosse dall'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia: si comincia il 15 febbraio a Muggia (teatro Verdi ore 20:45), il 16 a Talmassons (Auditorium comunale ore 20:45) quindi a Polcenigo il 17 febbraio (Teatro comunale, ore 21:00). Tutte le informazioni si trovano sul sito dell'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia www.ertfvg.it o contattando biglietteria@ertfvg.it.
In scena gli allievi del terzo anno di corso: Michelangelo Baradel, Marcello Ciani, Diletta Cofler, Luca Galardini, Vincenzo Giordano, Leonardo Rigato, Simone Sbordi, Martina Spartà, Raffaella Valente, Susanna Zoccali. Infine, domenica 18 febbraio alle ore 12:00 presso la sede della Nico Pepe a Udine la replica conclusiva (si prega di prenotare) accademiateatrale@nicopepe.it)

Momento cruciale nel percorso didattico del triennio della Nico Pepe, la Commedia dell'Arte completa il lavoro di preparazione degli allievi attori sulle tecniche fondamentali di questa antica arte scenica, patrimonio autentico del teatro italiano: dalle Tecniche di costruzione della maschera di Stefano Perocco di Meduna, ai Canti di Commedia con Marco Toller. Segue poi il Training dell’Attore specifico a far nascere ciascun personaggio per poi passare al lavoro di Improvvisazione Teatrale con Claudio de Maglio e arrivare a presentare il canovaccio originale.

La drammaturgia è ambientata in un periodo storico cruciale che coincide con la caduta di Costantinopoli in mano a Turchi, siamo nel 1453, e segue la disinvolta politica diplomatica della Serenissima, padrona dei mari e pronta a stringere alleanze anche con il nemico per dar contro allo strapotere degli stati europei che contrastano la sua conquista della terraferma italiana.
Dentro questa cornice si svolge la storia che viene portata in scena, che parte dalla contesa di un castello disabitato disputato da due delle famiglie più potenti in Venezia: una retta da un Pantalone di nome Lucrezio de Bisognosi a capo di una grossa impresa alimentare che rifornisce l’esercito; l’altra invece tratta la fornitura di armi e munizioni ed è guidata da una Pantalona, Pancrazia de Frantumati.
In questo sfondo si aggira un Comandante dell’esercito della Repubblica di Venezia, tal Bartolomeo Colleoni, personaggio realmente esistito, che si incrocia con le storie di due Innamorate represse a causa delle mire espansionistiche delle loro famiglie e dai nuovi assetti politici e sociali che si andavano stabilendo a causa della caduta dell’Impero Romano d’Oriente.
C’è inoltre un Innamorato che arriva dal Katai, la leggenda di un fantasma (anche questa è tratta da una vicenda reale legata al castello di Gropparello) e poi gli immancabili Arlecchino, Colombina e Pulcinella. È una Commedia che parla di un grande cambiamento, un mutamento epocale che comporta il tentativo di costruire regole adatte al nuovo ordine sia economico che politico …

Affiancano la Civica Accademia i partner istituzionali, il Comune di Udine, la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, il Ministero della Cultura, ai quali si aggiunge il sostegno di Fondazione Friuli, oltre a Vettori Ultramondo che cura gli aspetti organizzativi.

Corso di approfondimento di CANTARE LA VOCE 2024

Corso di approfondimento di CANTARE LA VOCE 2024
a partire da mercoledì 24 gennaio 2024 alle ore 20.00 tenuto dal docente Marco Toller
Chi ha conosciuto l’approccio al mondo del suono e della voce che offre il percorso di Cantare la Voce ha intuito quanto sia vasto e affascinante il panorama che si presenta, ricco di stimoli per la propria crescita vocale ed evoluzione personale.
Proprio per permettere che il processo di trasformazione e sviluppo continui, viene offerta questa ulteriore opportunità per proseguire e approfondire in modo tematico il cammino intrapreso.
Il corso, partendo dalle basi teoriche e pedagogiche sviluppate dall’Istituto di Fisiologia Vocale Applicata di Lichtenberg®, si rivolge a chiunque nutra in sé il desiderio di ampliare la conoscenza della propria voce e di prendere maggiore contatto con le potenzialità di risonanza del corpo, a seguito delle esperienze vissute nel corso introduttivo o in altri corsi di approfondimento, in quanto ognuno di questi non è consecutivo e presenta sempre temi nuovi da affrontare.
Quest’anno il lavoro verterà sulla relazione fra la struttura del suono e i suoi parametri e la funzionalità vocale così come si esprime, attraverso l’organizzazione interna di spazi, organi e tessuti, nel tratto vocale e nel corpo nel suo complesso, attraverso l’attività respiratoria e il bilanciamento posturale. Le esperienze corporee e vocali potranno sempre trovare l’occasione di essere riferite al campo di interesse specifico di ciascun partecipante (canto, strumento, voce parlata, vita quotidiana...).
In questa fase si alternerà sempre il lavoro collettivo con un maggior tempo dedicato alle esperienze individuali al fine di sviluppare le proprie potenzialità e superare specifici problemi, inoltre gli appuntamenti saranno 10 anziché 8 in modo da poter vivere sempre con maggior pienezza il percorso proposto.
È necessario che i partecipanti abbiano già seguito almeno un corso introduttivo (nell'ultima edizione dell'autunno 2022 o negli anni precedenti) o conoscano già, attraverso altri corsi o lezioni individuali, l’approccio alla voce proposto dal docente; non è altresì richiesta alcuna competenza musicale specifica.
Il percorso affrontato non richiede la conoscenza dei precedenti corsi di approfondimento e non ripete temi già affrontati in altri seminari.
Gli incontri si svolgeranno sempre nella giornata di mercoledì presso la sede della Civica Accademia d'Arte Drammatica "Nico Pepe", 10/2 - 33100 Udine, dalle ore 20.00 alle ore 22.00 per un totale di 10 incontri (In allegato troverete il modulo di domanda d'iscrizione).
Sempre nel corso del 2024 le proposte di Cantare la Voce non terminano qui, ma si arricchiscono di ulteriori corsi che partiranno nei prossimi mesi:
- 10 - 11Febbraio / 2 – 3 e 16 – 17 marzo: corso di formazione vocale per cantanti, coristi e direttori di coro in collaborazione con U.S.C.I. FVG;
- 12 - 14 oppure 19 – 21 luglio: corso residenziale estivo a Sutrio (UD)
Vi informiamo inoltre che il mercoledì 10 aprile 2024 alle 20.00 ripartirà Cantare la voce - corso introduttivo: vi chiediamo cortesemente di estendere l'informativa alle persone di vostra conoscenza interessate ad intraprendere questo percorso.
Marco Toller, si è diplomato in organo e successivamente in musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine, parallelamente ha seguito il corso completo di studi presso l’Associazione Internazionale di Canto Gregoriano a Cremona. Dal 1998 ha orientato il proprio lavoro di ricerca sul suono seguendo l’approccio proposto dall’Istituto di Fisiologia Vocale Applicata di Lichtenberg® fondato da Gisela Rohmert e ha conseguito l’abilitazione all’insegnamento. Dal 2000 è docente regolare di tecnica vocale ed esercitazioni corali presso la Civica Accademia d’Arte Drammatica ‘Nico Pepe’. Nel 2008 fonda il gruppo di ricerca vocale Cantiere Armonico.
*INFO CIVICA ACCADEMIA D’ARTE DRAMMATICA “NICO PEPE” Largo Ospedale Vecchio, 10/2, 33100, Udine. ORARIO lun /ven 10.00/13.00-15.00/19.00 TEL.e FAX +39.04321276911 accademiateatrale@nicopepe.it
facebook.com/accademianicopepe www.nicopepe.it facebook.com/ilcantierearmonico www.cantierearmonico.org

Julie Stanzak alla Nico Pepe

Accademia Nico Pepe: porte aperte al Laboratorio di Julie Stanzak.
Alla Nico Pepe l'arrivo di Julie Stanzak è un bellissimo momento per dare avvio al nuovo anno accademico. Julie Anne Stanzak dal 1985, corpo (e anima) del Pina Bausch Tanztheater Wuppertal, come a dire il simbolo della danza contemporanea è oggi una coreografa, una danzatrice e osiamo dire una poetessa del corpo e dell’anima. Incontrare Julie Anne Stanzak vuol dire immergersi nella ricerca profonda dell’essenza vitale, della purezza e della sorgente stessa del gesto, del “perché” si danza, domanda che viene ancor prima del “come” si danza.
Da anni “Guest star” alla Nico Pepe con il suo laboratorio Julie in questa occasione condurrà gli allievi ad esplorare e vivere in scena le suggestioni raccolte da alcuni testi estratti da "Consolazioni" del poeta David Whyte e da "Il Gabbiano" e "Zio Vania" di Cechov, testi con il denominatore comune incentrato sul sentimento del desiderio. Tali brani fungono da ispirazione e provocazione, e sono un invito ad abbracciarne la complessità attraverso l'incessante interrogarsi sul senso e sull’urgenza affichè il sentire si fondi sull’unicità della ricerca da parte del performer. Il laboratorio aprirà le porte al pubblico presentando il frutto di questo percorso mercoledì 29 novembre alle ore 18:00 presso la sede della Nico Pepe (dato il numero limitato di posti è richiesta la prenotazione).

Julie Stanzak comincia giovanissima con The Minneèpolis Childrens Theatre e il Chicago Lyric Opera Ballet sotto la direzione di Maria Tallchief. Dal 1979 al 1985, Julie fa parte del Dutch National Ballet di Amsterdam, sotto la direzione di Rudivan Danzig. Dal 1985 fino ad oggi, danza con il Tanztheater, partecipando a tutti gli spettacoli che hanno reso celebre la compagnia, da ‘Sacre du Printemps’ a ‘Kontakthof’, da ‘Palermo Palermo’ a ‘Victor’, o ‘Vollmond’, per citarne alcuni.
Da più di dieci anni tiene seminari in Italia, Francia e Germania. Dal 1993 lavora come coreografa presso il Teatro La Ribalta di Milano, il Velo Theater in Francia, e ancora il Theatre Drei Hasen Oben e il Theatre Patati Patata, in Germania, il Paraplyteatret, in Danimarca e la Compagnie Corps Rompu, in Italia. Ad oggi continua la sua collaborazione con IfHuman e il Conservatorio di danza di Anversa (BE).

1698923779469

“Alamut. Il segreto della fortezza. Dietro la maschera del potere”

E' in arrivo il nuovo saggio-spettacolo a cura della Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe “Alamut. Il segreto della fortezza. Dietro la maschera del potere”, che debutterà sabato 4 novembre alle ore 20.30 nella prestigiosa cornice offerta dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dove i futuri attori a conclusione del loro percorso di formazione triennale si incontrano con la città. Il progetto di quest'anno comprende una importante novità, infatti per la prima volta lo spettacolo sarà replicato a Trieste al Teatro Stabile Sloveno il 7 novembre (ore 20.00) e il 9 novembre al Teatro comunale di Cormons (ore 20.30). Sotto la guida di Claudio de Maglio il nutrito cast di allievi attori (in scena se ne conteranno ben 30) si confronta con la messinscena teatrale, con drammaturgia originale, liberamente ispirata al bellissimo e avvincente romanzo "Alamut" dello scrittore sloveno Vladimir Bartol in cui si raccontano le vicende del persiano Hasan Sabbah (definito da Umberto Eco «affascinante, mistico e feroce») fondatore di una setta di derivazione dall’ismailismo sciita nota con il nome di “Assassini” e conosciuta in occidente grazie ai racconti di Marco Polo e Odorico da Pordenone. L’imprendibile rifugio della setta era il castello di Alamut a 1800 metri sul livello del mare, detto il "Nido dell'Aquila", situato sulla catena dell’Elburz in Persia. Da lì partivano i sicari per le loro missioni di morte dalle quali sapevano che non sarebbero ritornati vivi, ma che accettavano in cambio di una presunta salvezza eterna. La contemporaneità dei temi è attestata da un affresco della natura del potere che, per raggiungere i propri scopi, manipola le coscienze dei giovani, ricorrendo all'inganno per ottenere i propri risultati, esercitando in maniera anche violenta e cinica la coercizione. La narrazione procede incalzante come in una grande epopea shakespeariana, regalando momenti di poesia e forte tensione drammatica.
Il romanzo "Alamut", considerato il capolavoro di Vladimir Bartol (1938) prelude al dramma del secondo conflitto mondiale e individua una inquietante rappresentazione del potere che utilizza l'inganno e la finzione, per manipolare la realtà a proprio favore.
Oltre al cast (gli allievi diplomandi Enrico Brusi, Sofia Longhini, Francesca Maurino, Lorenzo Prestipino, Agata Alma Sala, Alessio Sallustio, Filippo Stella e quelli che entreranno al terzo anno di corso Michelangelo Baradel, Marcello Ciani, Diletta Cofler, Luca Galardini, Vincenzo Giordano, Leonardo Rigato, Simone Sbordi, Martina Spartà, Raffaella Valente, Susanna Zoccali e quelli ammessi al secondo anno Giulio Bianchi, Silvia Cerchier, Iacopo Cesaria, Alvise Colledan, Erika Maria Cordisco, Massimo Filoso, Federica Garbarini, Santi Maccarrone, Gregorio Maconi, Andrea Monteverdi, Siro Pedrozzi, Sara Volpi, Sara Wegher), molto numeroso anche lo staff dei collaboratori impegnati nell'allestimento, Paki Zennaro le musiche di scena, Claudio e Andrea Mezzelani per le scenografie, Naiem Abdulrazak per la consulenza culturale, per il disegno luci Stefano Chiarandini, i costumi di Emmanuela Cossar, consulenza arti marziali Luca Galardini e service tecnico OnStage di Andrea Saccomano.

L’iniziativa condivisa con Vettori Ultramondo si avvale del sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia (Bando Eventi e festival ), dei partner - il Teatro Stabile Sloveno di Trieste, il comune di Cormons, il comune di Gorizia, l'Istituto per gli Incontri Culturali Mitteleuropei, la Società Filologica Friulana.
Affiancano l’attività della Nico Pepe i partner istituzionali quali il Comune di Udine, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Ministero della Cultura e il prezioso sostegno di Fondazione Friuli.
Info e prenotazioni:
4 NOVEMBRE 2023 - ORE 20.30
UDINE TEATRO NUOVO GIOVANNI DA UDINE
info: Teatro Nuovo Giovanni da Udine
www.teatroudine.it / www.vivaticket.it

7 NOVEMBRE 2023 - ORE 20.00
TRIESTE TEATRO STABILE SLOVENO
info: Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe
accademiateatrale@nicopepe.it; tel 04321276911

9 NOVEMBRE 2023 - ORE 20.30
CORMONS TEATRO COMUNALE
info: Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe
accademiateatrale@nicopepe.it; tel 04321276911

IMG_20230715_201943

"Rumori fuori scena" di Michael Frayn con gli allievi attori della Nico Pepe al teatro Miela di Trieste.

Rumori fuori scena di Michael Frayn con gli allievi attori della Nico Pepe ospiti della stagione teatrale "Eclettiche Emozioni" del Teatro Miela di Trieste il 19 ottobre (ore 20,30).

Giovedì 19 ottobre alle ore 20:30 gli allievi attori della Nico Pepe saranno in scena a Trieste al Teatro Miela nell'ambito della stagione teatrale 23/24 impegnati a portare in scena i ritmi esilaranti e mozzafiato della celebre commedia: “Rumori fuori scena” di Michael Frayn. È la proposta di un doppio divertimento, un caso di teatro nel teatro o meglio di tragicommedia nella commedia, per quello che accade dentro e fuori dal palco dove una raccogliticcia compagnia d’attori - casi umani - si trova a dover fare le prove generali della rappresentazione in condizioni al limite della crisi di nervi… Ne deriva il comico alternarsi di battute del copione e incidenti vari che generano il caos totale e l’impossibilità di procedere. Ma alla fine come nelle migliori commedie umane, tutto si risolve. Irresistibile la reinterpretazione proposta dagli allievi della Nico Pepe (Enrico Brusi, Alvise Colledan, Sofia Longhini, Francesca Maurino, Lorenzo Prestipino, Agata Alma Sala, Alessio Sallustio, Filippo Stella), grazie alla riscrittura adattamento e supervisione di Claudio de Maglio. Il ritmo è incalzante, le battute e le gag si susseguono brillanti nell’aprire situazioni divertenti, catastrofiche, con colpi di scena ed equivoci geniali. Uno sguardo ironico su quanto può succedere dietro le quinte di uno spettacolo teatrale nello svolgersi di una farsa esilarante.
La composita e ricca offerta del cartellone del Miela riserva sempre una speciale attenzione a protagonisti giovani che si affacciano nel mondo dello spettacolo e sono molti i diplomati della Pepe già ospitati.
Per info e prenotazioni:
biglietteria del teatro (tel. 0403477672) da lunedì a venerdì dalle 17.00 alle 19.00.
Oppure su www.vivaticket.com cercando Teatro Miela o cliccando su https://www.vivaticket.com/it/search?provinceCode=TS&q=teatro%20miel
/https://www.miela.it/spettacoli/rumori-fuori-scena/

Marco-Toller-1

Cantare la Voce / Corso Introduttivo

CANTARE LA VOCE CORSO INTRODUTTIVO
Docente | MARCO TOLLER
10 OTTOBRE 2023 | MARTEDÌ ore 20.00

Per chi aspira ad incontrare l’autenticità della propria Voce
Per chi vuole immergersi nel piacere del Canto
Per chi è affascinato dalla ricchezza del mondo del Suono

La nostra voce porta in sé la memoria del vissuto personale e la sua qualità rivela la relazione che siamo in grado di instaurare con noi stessi, gli altri e l’ambiente. Il suono può diventare uno strumento efficace di indagine e scoperta del nostro corpo, permettendoci di riconoscere e trasformare, attraverso il raffinamento della percezione sensoriale, i nostri modelli motori, posturali, respiratori ed emotivi.

Il fascino di questa esplorazione, procede di pari passo con il piacere dato dalla liberazione e dallo sviluppo del potenziale vocale insito in ognuno di noi, quasi come conseguenza inevitabile e naturale, senza forzature. In questo modo il nostro sistema vocale e la raffinata regolazione laringea, grazie alle sue complesse interconnessioni corporee (con orecchio, spazi di risonanza, organi sensoriali, sistema neurovegetativo e respirazione), possono diventare paradigma ordinatore per l’instaurarsi di una più efficiente funzionalità ed un rinnovato equilibrio psicofisico.

Qualsiasi sia l’ambito in cui desideriamo impiegare la nostra voce (per scopi artistici, necessità professionali, divertimento o per la quotidiana comunicazione) il rapporto tra suono e il corpo inteso come strumento vibrante, risulta ricco di risvolti affascinanti e rivelatore di risorse spesso ignote.

Cantare la Voce è un percorso frutto di un’esperienza più che ventennale di avvicinamento alla propria espressività vocale: il corso introduttivo ha lo scopo di fornire le basi per un corretto e sano approccio all’emissione vocale fornendo gli strumenti necessari per una ricerca personale, affinabili poi nei successivi corsi di approfondimento.

Il metodo di lavoro è articolato in esperienze collettive ed individuali, volte ad incentivare un naturale potenziamento dell’emissione vocale, attraverso lo sviluppo della percezione sensoriale del proprio e altrui suono.

Nel corso delle lezioni verranno affrontati i principi su cui si fonda la ricerca intrapresa quarant’anni fa dall’Istituto di Fisiologia Vocale Applicata di Lichtenberg® fondato da Gisela Rohmert: l’obiettivo è quello di stimolare l’ascolto e quindi la maturazione e il raffinamento delle strutture profonde del suono e della funzionalità vocale ad esso correlata. In questo modo la qualità di emissione migliora progressivamente senza sforzo e il rapporto con la voce parlata e cantata - e con la stessa espressione artistica - si trasforma, permettendo che il suono diventi veicolo di emozioni, ricco di energia e apportatore di armonia ed equilibrio.

Il corso si articola in 8 incontri settimanali di mercoledì ed è rivolto sia a coloro che non hanno mai avuto esperienze in precedenza ma desiderano avvicinarsi al mondo della voce, sia a coloro che ne fanno uso per la propria professione – cantanti, musicisti, insegnanti, attori, terapeuti, etc. – e desiderano approfondirne la conoscenza.

MARCO TOLLER, ha studiato composizione presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova, si è diplomato in organo e successivamente in musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine, parallelamente ha seguito il corso completo di studi presso l’Associazione Internazionale di Canto Gregoriano a Cremona. Dal 2000 ha orientato il proprio lavoro di ricerca sul suono seguendo l’approccio proposto dall’Istituto di Fisiologia Applicata di Licthenbergâ fondato da Gisela Rohmert e ha conseguito l’abilitazione all’insegnamento. È docente regolare di tecnica vocale ed esercitazioni corali presso la Civica Accademia d’Arte Drammatica ‘Nico Pepe’ e direttore del coro dell’istituto. Nel 2008 fonda il gruppo di ricerca vocale Cantiere Armonico.

*INFO CIVICA ACCADEMIA D’ARTE DRAMMATICA “NICO PEPE” Largo Ospedale Vecchio, 10/2, 33100, Udine. ORARIO lun /ven 10.00/13.00-15.00/19.00 TEL.e FAX +39.04321276911 accademiateatrale@nicopepe.it
facebook.com/accademianicopepe www.nicopepe.it facebook.com/ilcantierearmonico www.cantierearmonico.org

Logo-Nico-Pepe-Cdm-2018-600x120

Contatti & Info

Largo Ospedale Vecchio, 10 33100 Udine

+39 0432 504340
accademiateatrale@nicopepe.it

2024 ©  Civica Accademia Nico Pepe - All Rights Res. - P.I. 02072190305

    Stay Social!

Privacy & Policy | art direction: LuckyDesign